Questo sito utilizza cookies tecnici per offrirti la migliore esperienza di navigazione e cookie statistici / analitici anche di terze parti. Cliccando su un punto qualsiasi dello schermo, scrollando la pagina o chiudendo questo banner, presti il consenso all’uso di tutti i cookies. Per informazioni e scoprire come negare il consenso al loro utilizzo o come disabilitarli clicca qui

CHIUDI

Le esportazioni italiane verso gli Stati USA


di Giulio Grisanti, economista
17 Aprile 2019 - Mercati sviluppati
CONDIVIDI SU

Da sempre, i quattro Stati americani che assorbono la maggior parte delle esportazioni italiane sono New York e New Jersey sulla costa Atlantica, California sul Pacifico e il Texas nel Sud. Da oltre un decennio, questi Stati hanno superato il livello di 2 miliardi di dollari di importazioni dall’Italia. Nel 2018 a questi Stati si sono aggiunti Michigan, Illinois, Pennsylvania, Georgia e Florida. Superiore ad un miliardo di dollari è stato l’aumento, nell'ultimo decennio, delle esportazioni italiane verso l’Illinois: in questo caso la spinta maggiore è derivata da vendite di componenti per aerei. Altrettanto elevata è stata la crescita delle esportazioni italiane verso Pennsylvania, Georgia e Florida, sostenute rispettivamente dalle vendite di Farmaci, Occhiali e Vino.
Se si comparano le esportazioni italiane nei vari Stati con quelle degli altri paesi UE, lo Stato in cui l’Italia nel 2018 ha ottenuto le maggiori quote di mercato è il Michigan. Particolarmente rilevante è la quota di esportazioni italiane sul totale UE verso gli Stati di New York e New Jersey, trainate dal sistema moda. Negli ultimi anni, gli Stati Uniti sono stato un mercato di successo per l’Agroalimentare italiano, soprattutto Vino, Olio e Formaggi. Da segnalare gli aumenti verso la California, diventata nel 2018 secondo Stato di esportazione dell’Agroalimentare italiano (dopo il New Jersey e prima di New York). In questo caso, a vino ed olio italiani si sono aggiunti pasta e prodotti da forno.


Gli Stati Uniti si confermano nel 2018 uno dei principali paesi partner dell’Italia, rappresentando il primo importatore non europeo di prodotti Made in Italy. Il valore dei beni italiani importati dagli USA negli ultimi 10 anni è passato dai 35 miliardi di dollari del 2008 agli oltre 54 miliardi di dollari del 2018.
In questo periodo sono parzialmente cambiati gli Stati che contribuiscono maggiormente all’arrivo di merci italiane negli USA. Nel 2008, gli Stati che importavano merci per un valore superiore ai 2 miliardi di dollari erano New York e New Jersey sulla costa Atlantica, California sulla costa Pacifica e Texas nel Sud. Nel 2018, con il valore di 4 miliardi di dollari, al quarto posto si è insediato il Michigan, grazie all’ “effetto” FCA, gruppo con uno stabilimento ad Auburn Hills. Rimangono saldi sul podio New York, New Jersey e California, mentre il Texas scende al quinto posto.

Il grafico sottostante mostra, per ogni Stato, la relativa quota sul totale importato dall'Italia da parte degli Stati Uniti.

Quota delle importazioni dall'Italia per Stato

2008

2018

Il Michigan è il principale Stato di arrivo di beni del settore Automotive, sia per gli Autoveicoli che per la componentistica, soprattutto Motori e Telai e Parti ed Accessori non elettrici. In particolare gli Autoveicoli, con un valore di 2.5 miliardi di dollari, rappresentano il comparto che traina l’export italiano verso il Michigan, grazie agli scambi infragruppo FCA, sviluppatisi a partire dal 2014.
Anche la quota di mercato delle Automobili italiane sul totale europeo è aumentata. Nel 2008, infatti, solamente il 3% del valore delle Automobili importate negli USA aveva come origine l’Italia. Nel 2018, la quota di mercato italiana è salita al 10%, con il massimo in Michigan (quasi 80%, contro l’1% del 2008) ed un buon posizionamento in New Jersey (31%).
Altri Stati i cui valori di import dall’Italia sono da segnalare sono l’Illinois (3.5 miliardi di dollari) che, in quanto sede della compagnia aerea Boeing, importa principalmente componentistica per il settore aeronautico; la Pennsylvania (3 miliardi), guidata dalle importazioni di Farmaci; la Georgia (2 miliardi), importatore soprattutto di Occhiali; infine, la Florida (2 miliardi), in cui sono i Vini italiani ad essere protagonisti.


Le quote italiane sul totale europeo in USA


Il Michigan ha rappresentato lo Stato americano in cui nel 2018 l’Italia ha detenuto la quota di mercato più alta rispetto ai paesi UE. Il Belpaese ha infatti rappresentato il 26% delle importazioni europee in Michigan, soprattutto grazie al settore Automotive.

Quota delle importazioni dall'Italia sul totale importato dall'Europa (2018)


Come si nota dal grafico, anche New York e New Jersey, entrambi con una quota italiana del 16% sul totale europeo, sono due tra i maggiori importatori di merci italiane. In questi due Stati, i beni maggiormente apprezzati sono i prodotti per la persona, il cui valore ha superato i 3 miliardi di dollari nello Stato di New York e 2 miliardi in New Jersey, guidati da Calzature, Abbigliamento, Gioielleria e Pelletteria.
L’Agroalimentare rappresenta un ulteriore settore per il quale il marchio “Made in Italy” è negli USA sinonimo di qualità. Vino, Olio e Formaggi sono i prodotti più amati dai consumatori americani, non solo sulla costa atlantica, ma anche su quella pacifica, tanto che la California è il secondo Stato per importazione di prodotti Agroalimentari italiani.
Non solo: la California è il primo Stato americano per importazione di Spumanti italiani e il terzo Stato per importazione di Vini fermi.
Nel settore Agroalimentare, l’Italia è riuscita a conquistare entrambe le Coste statunitensi, guadagnando inoltre la quota di maggioranza dell’import di Vini fermi e classificandosi al secondo posto per i Vini spumanti.

Si allarga il fronte della guerra commerciale USA

In questi giorni, la minaccia dell’amministrazione americana di aumentare le tariffe per molti beni importati dall’Italia, con una forte quota di prodotti Agroalimentari, rende incerte le prospettive delle esportazioni italiane verso il mercato USA. L’azione americana è vincolata all’esito del contenzioso attualmente in atto tra USA e UE sugli aiuti di Stato concessi rispettivamente alla Boeing e all’Airbus. È poco probabile che un un contenzioso iniziato 15 anni fa trovi soluzione in pochi mesi. Va tuttavia segnalato che molti operatori ritengono l’Agroalimentare italiano, grazie alla sua qualità e specialità, poco vulnerabile alla tariffe.


Per saperne di più sui prodotti e servizi FAI RETE CON LE ALTRE IMPRESE ITALIANE ALL'ESTERO CERCA CONSULENTI AFFIDABILI ALL'ESTERO
LO SPECIALISTA ESTERO
LUCA D.
CORSO ITALIA 86, 12037 SALUZZO (CN)
SALUZZO (CN)
NON È VICINO A TE?

I nostri specialisti

Nome Indirizzo  
CATALDO M.VIA GARIBALDI 23, 43100 PARMA (PR)
CLAUDIA R.VIA FERMI 15, 37135 VERONA (VR)
CLAUDIO C.VICO GARIBALDI 2, 09170 ORISTANO (OR)
CLAUDIO C.CORSO GARIBALDI 90, 08100 NUORO (NU)
DANIELE R.CORSO GARIBALDI 5, 35137 PADOVA (PD)
ERMANNO M.VIA DEI MILLE 2/B, 42100 REGGIO EMILIA (RE)
FABIO B.VIA VENEZIAN 5/A, 40121 BOLOGNA (BO)
FABIO M.PIAZZA CASTELLO, 07100 SASSARI (SS)
FABRIZIA F.CORSO DELLA GIOVECCA 108, 44121 FERRARA (FE)
FEDERICA G.VIA EMILIA EST 421, 41122 MODENA (MO)
FRANCESCO F.V.LE CAPPUCCINI 76, 66034 LANCIANO (CH)
GABRIELLA P.VIA BONCOMPAGNI 6/A, 00187 ROMA (RM)
GIANFRANCO F.VIA NAPOLI 60, 88900 CROTONE (KR)
GIANFRANCO F.P.ZZA SAN FRANCESO D'ASSISI 12, 75100 MATERA (MT)
GIANLUCA C.CORSO DELLA GIOVECCA 65, 44121 FERRARA (FE)
GIORGIO B.VIALE BONARIA 33, 09125 CAGLIARI (CA)
GIULIA V.VIA EMILIA EST 421, 41122 MODENA (MO)
IRENE O.VIA EMILIA EST 421, 41122 MODENA (MO)
LAURA R.VIA PRINCIPI DI PIEMONTE 12, 12042 BRA (CN)
LIVIO GIULIO P.VIA GAETANO NEGRI 10, 20123 MILANO (MI)
LUCA B.VIA VENEZIAN 5/A, 40121 BOLOGNA (BO)
LUCA D.CORSO ITALIA 86, 12037 SALUZZO (CN)
LUIGI V.VIA VENEZIAN 5/A, 40121 BOLOGNA (BO)
MARCO C.VIA GUERRINI 14, 48121 RAVENNA (RA)
MARCO C.VIALE CADORNA 3, 31100 TREVISO (TV)
MARCO C.VIALE GIUSEPPE MAZZINI 10, 36100 VICENZA (VI)
MARCO L.CENTRO DIREZIONALE LOCALITA' COLLINA LIGUORINI, 83100 AVELLINO (AV)
MAURIZIO G.VIA DEI MILLE 2/B, 42100 REGGIO EMILIA (RE)
MAURIZIO V.V.LE CAPPUCCINI 76, 66034 LANCIANO (CH)
MICHELE B.
MICHELE L.VIA NAPOLI 60, 88900 CROTONE (KR)
MICHELE L.VIA GAMBALUNGA 92 47838 RIMINI (RN)
MIRIAM G.VIA BONCOMPAGNI 6/A, 00187 ROMA (RM)
OMAR M.VIA GABRIELE CAMOZZI 142, 24121 BERGAMO (BG)
OMAR M.VIA SOLFERINO 21/A, 25122 BRESCIA (BS)
RAFFAELE M.CENTRO DIREZIONALE LOCALITA' COLLINA LIGUORINI, 83100 AVELLINO (AV)
ROBERTO S.CORSO G. SOZZI 15, 47521 CESENA (FC)
Contattalo Subito



Potrebbe interessarti anche: