Questo sito utilizza cookies tecnici per offrirti la migliore esperienza di navigazione e cookie statistici / analitici anche di terze parti. Cliccando su un punto qualsiasi dello schermo, scrollando la pagina o chiudendo questo banner, presti il consenso all’uso di tutti i cookies. Per informazioni e scoprire come negare il consenso al loro utilizzo o come disabilitarli clicca qui

CHIUDI

Primo semestre 2018: domanda mondiale ancora in crescita


di Marzia Moccia, economista
09 Agosto 2018 - Domanda mondiale
CONDIVIDI SU

Il commercio internazionale, in termini di importazioni, chiude il I semestre dell’anno con un tasso di crescita tendenziale del +4% misurato a prezzi costanti in dollari. L’utilizzo dei prezzi costanti consente di cogliere gli effetti di volume nella variazione delle importazioni, neutralizzando le dinamiche di prezzo e di cambio. A sostenere la crescita dei volumi di scambio della domanda mondiale, iniziata già nel 2017, è il fronte europeo e la Cina. Per entrambi i mercati si segnalano tassi di crescita più contenuti per il comparto delle Materie prime, ma performance positive generalizzate per tutti i settori. Le importazioni degli USA, misurate a prezzi costanti, risultano, invece, crescere a tassi contenuti, grazie al deprezzamento del dollaro che sostiene l’offerta nazionale a scapito di quella estera.


Il cammino protezionistico inaugurato dall’amministrazione americana costituisce una delle scelte di politica economica più importanti degli ultimi anni. Le preoccupazioni riguardo un’eventuale guerra commerciale generalizzata causano dubbi sul perdurare dell'attuale fase di crescita del commercio internazionale, descritta nell’articolo "L'accellerazione della domanda mondiale nel 2017". Secondo la teoria economica, infatti, le scelte di politica commerciale protezionistica generano incertezza tra gli operatori economici su differenti tematiche. Esse, oltre ad aumentare la minaccia di eventuali incrementi tariffari e di rappresaglie da parte dei partner commerciali, sono fonte di preoccupazione riguardo l’andamento dell’inflazione, dei tassi di cambio, dei tassi di interesse e della politica monetaria. Risulta, infatti, complesso quantificare quanto le imposte possano essere trasferite lungo le catene del valore e influenzare la competitività dei settori economici non protetti. I mercati sono concordi nel considerare contenuti gli effetti delle misure tariffarie imposte fino a questo momento, dato il numero limitato di beni colpiti, tuttavia l’incertezza permane.

In questo contesto e volgendo lo sguardo ai dati, quali evidenze emergono dall’andamento congiunturale del commercio mondiale nel I semestre?

La treemap riportata rappresenta i primi quindici importatori mondiali del 2017: la dimensione di ciascun rettangolo è proporzionale al valore delle importazioni nel 2017; il colore, invece, rappresenta il tasso di variazione delle importazioni a prezzi costanti nel primo semestre di quest’anno rispetto al corrispondente semestre del 2017. Cliccando su ciascuno paese è possibile scoprire quale andamento hanno mostrato le varie industry, permettendo di evidenziare i comparti in crescita e quelli in calo. L’utilizzo dello strumento dei prezzi costanti permette di considerare le variazioni di commercio intercorse in termini di volume, depurandole dalle modificazioni intervenute sul lato dei prezzi e su quello dei cambi. Senza questa “depurazione” la dinamica dell’area Euro risulterebbe distorta dall’apprezzamento della valuta unica verso il dollaro. Allo stesso tempo le importazioni di materie prime rifletterebbero non solo la maggiore domanda, ma anche il forte aumento registrato dai prezzi delle commodity.


Le importazioni mondiali nel I semestre 2018



La prima evidenza è che i flussi internazionali hanno chiuso il I semestre dell’anno col segno nettamente positivo, grazie ad un aumento tendenziale a prezzi costanti del +4%. Sono i paesi europei e la Cina a sostenere la crescita della domanda mondiale. Tutto il fronte europeo risulta allineato, infatti, al tasso di crescita mondiale; un andamento più accelerato viene segnalato da Germania e Spagna. Su entrambi i mercati si segnalano performance positive generalizzate, ma è il comparto Chimica e farmaceutica a presentare una dinamica molto vivace: +10.5% sul mercato tedesco e +18.3% su quello spagnolo.

Guardando più a est, invece, vera locomotiva è la Cina, che mette a segno una crescita delle importazioni dall’estero superiore all'8%. Risultati positivi per tutti i settori, ma come per il mercato tedesco, le importazioni di Materie Prime crescono a tassi più contenuti.

Più stabile la crescita a prezzi costanti delle importazioni degli Stati Uniti, dove il deprezzamento del dollaro ha ridotto i volumi delle importazioni dall’estero di quasi tutti i comparti, eccezion fatta per la Chimica e farmaceutica, che segna un +12.8% e Agroalimentare con un 3%.

Conclusioni

Analizzando i dati dei primi sei mesi dell’anno, la crescita della domanda mondiale non sembra essere stata rallentata, per ora, dai timori di una guerra commerciale, poiché le azioni attuate sono state complessivamente limitate. Tuttavia il rischio di un inasprimento delle barriere commerciali rimane elevato con i conseguenti effetti sul commercio mondiale e sul ciclo economico.


Per saperne di più sui prodotti e servizi FAI RETE CON LE ALTRE IMPRESE ITALIANE ALL'ESTERO CERCA CONSULENTI AFFIDABILI ALL'ESTERO
LO SPECIALISTA ESTERO
LUCA D.
CORSO ITALIA 86, 12037 SALUZZO (CN)
SALUZZO (CN)
NON È VICINO A TE?

I nostri specialisti

Nome Indirizzo  
CATALDO M.VIA GARIBALDI 23, 43100 PARMA (PR)
CLAUDIA R.VIA FERMI 15, 37135 VERONA (VR)
CLAUDIO C.VICO GARIBALDI 2, 09170 ORISTANO (OR)
CLAUDIO C.CORSO GARIBALDI 90, 08100 NUORO (NU)
DANIELE R.CORSO GARIBALDI 5, 35137 PADOVA (PD)
ERMANNO M.VIA DEI MILLE 2/B, 42100 REGGIO EMILIA (RE)
FABIO B.VIA VENEZIAN 5/A, 40121 BOLOGNA (BO)
FABIO M.PIAZZA CASTELLO, 07100 SASSARI (SS)
FEDERICA G.VIA EMILIA EST 421, 41122 MODENA (MO)
FRANCESCO F.V.LE CAPPUCCINI 76, 66034 LANCIANO (CH)
GABRIELLA P.VIA BONCOMPAGNI 6/A, 00187 ROMA (RM)
GIANFRANCO F.VIA NAPOLI 60, 88900 CROTONE (KR)
GIANFRANCO F.P.ZZA SAN FRANCESO D'ASSISI 12, 75100 MATERA (MT)
GIANLUCA B.VIA EMILIA EST 421, 41122 MODENA (MO)
GIANLUCA C.CORSO DELLA GIOVECCA 108, 44121 FERRARA (FE)
GIORGIO B.VIALE BONARIA 33, 09125 CAGLIARI (CA)
GIROLAMO C.VIA LUNGOMARE TRIESTE 26/38, 84100 SALERNO (SA)
GIULIA V.VIA EMILIA EST 421, 41122 MODENA (MO)
LAURA R.VIA PRINCIPI DI PIEMONTE 12, 12042 BRA (CN)
LIVIO GIULIO P.VIA GAETANO NEGRI 10, 20123 MILANO (MI)
LUCA B.VIA VENEZIAN 5/A, 40121 BOLOGNA (BO)
LUCA D.CORSO ITALIA 86, 12037 SALUZZO (CN)
LUIGI V.VIA VENEZIAN 5/A, 40121 BOLOGNA (BO)
MARCO C.VIA GUERRINI 14, 48121 RAVENNA (RA)
MARCO C.VIALE GIUSEPPE MAZZINI 10, 36100 VICENZA (VI)
MARCO C.VIALE CADORNA 3, 31100 TREVISO (TV)
MARCO L.CENTRO DIREZIONALE LOCALITA' COLLINA LIGUORINI, 83100 AVELLINO (AV)
MAURIZIO G.VIA DEI MILLE 2/B, 42100 REGGIO EMILIA (RE)
MICHELE B.
MICHELE L.VIA GAMBALUNGA 92 47838 RIMINI (RN)
MIRIAM G.VIA BONCOMPAGNI 6/A, 00187 ROMA (RM)
OMAR M.VIA SOLFERINO 21/A, 25122 BRESCIA (BS)
OMAR M.VIA GABRIELE CAMOZZI 142, 24121 BERGAMO (BG)
RAFFAELE M.CENTRO DIREZIONALE LOCALITA' COLLINA LIGUORINI, 83100 AVELLINO (AV)
ROBERTO S.CORSO G. SOZZI 15, 47521 CESENA (FC)
Contattalo Subito



Potrebbe interessarti anche: